+++ LE NOTIZIE DEL GIORNO ORE 13.00 +++

FINCANTIERI-STX, VERYICE A PALAZZO CHIGI PRIMA DI LE MAIRE LA PROPOSTA DI PARIGI SARA’ IL 50% MA CON LA GUIDA ITALIANA

Parigi insiste nella vicenda Fincantieri-Stx e il suo ministro all’Economia ribadisce la linea di un patto tra azionisti al 50 e 50 tra partner italiani e francesi, ma con la piena guida dei cantieri di Saint Nazaire al gruppo italiano. Oggi il confronto con i ministri italiani dell’ Economia e dello Sviluppo Padoan e Calenda sul caso politico-economico, che stamani hanno avuto un nuovo vertice a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio. L’Italia, da parte sua, e’ intenzionata a confermare la linea dura, contraria all’ ipotesi paritaria: al di sotto del 51% non si va. Domani Calenda riferira’ alla Camera.

IN ARRIVO NUOVE SANZIONI DEGLI STATI UNITI CONTRO LA RUSSIA MOSCA BLOCCA AGLI AMERICANI L’ACCESSO A IMMOBILI SEQUESTRATI

Dopo l’approvazione da parte del Congresso Usa, in arrivo le nuove sanzioni contro Mosca. Donald Trump “tra pochissimo firmera’ il progetto di legge per rafforzare le sanzioni Usa nei confronti della Russia”, ha infatti detto il vicepresidente americano Mike Pence ai giornalisti a Tbilisi. Lo riporta l’agenzia Interfax rettificando la notizia che aveva pubblicato precedentemente secondo cui Pence aveva annunciato l’avvenuta firma da parte di Trump del provvedimento. Intanto, come preannunciato, le autorita’ russe hanno bloccato agli americani l’accesso a due immobili sequestrati nell’ambito della reazione di Mosca alle sanzioni Usa.

DISAGI E VOLI IN RITARDO PER ASSEMBLEE A LINATE E MALPENSA PROTESTA SERVIZI A TERRA, ENAC SOSPENDE COOPERATIVA ALPINA

Ritardi fino ad un’ora dei voli dagli aeroporti di Linate e Malpensa e forti disagi per i passeggeri questa mattina per un’assemblea spontanea generale dei lavoratori di societa’ che forniscono i servizi a terra. Le riunioni si sono concluse alle ore 7 a Linate e intorno alle 10 alla Malpensa, dove e’ durata 5 ore. Disagi per passeggeri nell’imbarco e consegna dei bagagli. L’Enac sospende fino a settembre la cooperativa Alpina al centro della protesta.

VENEZUELA, MADURO FA ARRESTATE DUE LEADER DELL’OPPOSIZIONE GENTILONI, IMPEGNATI CONTRO RISCHIO DITTATURA IN VENEZUELA

“Venezuela. Arresto dei leader dell’opposizione inaccettabile. Italia impegnata contro rischio dittatura e guerra civile”. E’ quanto scrive su twitter il presidente del Consiglio Gentiloni a proposito di quanto sta accadendo in queste ore nel paese sudamericano. Fra l’altro, nel cuore della notte due leader dell’opposizione che erano agli arresti domiciliari sono stati portati via da agenti dei Servizi di intelligence venezuelani. L’Italia, aveva ribadito ieri il premier, non riconoscera’ “l’Assemblea costituente voluta da Maduro”.

BREXIT: 19 CANDIDATURE PER OSPITARE AGENZIA UE DEL FARMACO TRA QUESTE C’E’ MILANO. OTTO CITTA’ PER L’AUTORITA’ BANCARIA

Il Consiglio ha ricevuto 27 proposte relative a 23 citta’ per ospitare dopo la Brexit l’Agenzia del farmaco (Ema) e l’Autorita’ bancaria europea (Eba), attualmente con base nel Regno Unito. In particolare, ci sono 19 offerte per l’Ema, tra cui quella di Milano, e 8 per l’Eba. La Commissione europea pubblichera’ una valutazione delle offerte entro il 30 settembre, basandosi sui criteri sanciti dai 27 nel Consiglio europeo di giugno. La decisione finale sara’ a novembre con un voto dei 27 a latere del Consiglio affari generali.

Migranti: Di Maio, Pd porti in Aula nostra proposta su Ong

“Per giorni, settimane, sono stato insultato e accusato di aver sollevato la questione Ong. Uno stimato e stimabile procuratore della Repubblica, qual e’ il magistrato Zuccaro, e’ stato messo all’indice da opinionisti e pseudo-tali. Tutto questo come se la Libia non fosse un tema di sicurezza nazionale, come se i flussi migratori nascessero dal nulla, come se i trafficanti di esseri umani fossero cosa di poco conto, ma soprattutto come se difendere i propri confini nazionali debba essere motivo di vergogna. E’ buon senso, tutto qua”. Lo scrive sul blog di Grillo Luigi Di Maio sottolineando che “non a caso dopo piu’ di un mese il governo ha goffamente tentato di far proprie le nostre proposte, varando un codice che – a loro dire – limiterebbe l’operato delle Ong nel Mediterraneo”. “Peccato solo che ieri – osserva il vicepresidente della Camera – ben 2 Ong su 3 si siano rifiutate di firmare il protocollo, e questo francamente dispiace. Dispiace, ma restiamo in Paese sovrano e se qualcuno parla di codici, noi preferiamo parlare di leggi: c’e’ la proposta del MoVimento 5 Stelle a prima firma Bonafede che prevede a bordo delle Ong la presenza di unita’ con compiti di polizia giudiziaria in modo da poter combattere concretamente l’operato dei trafficanti libici. Il Pd ha i numeri per portarla in aula – sottolinea -, lo faccia e la voteremo. Se Renzi e i suoi preferiscono invece copiarcela come hanno gia’ fatto con i vitalizi procedano pure, non ci offenderemo. L’importante e’ porre un argine ai continui flussi migratori verso le nostre coste e, al contempo, impedire che centinaia di persone continuino a morire in mare in questi terribili “viaggi della morte”.

Migranti: Di Maio, Pd porti in Aula nostra legge Ong e la votiamo =

“Per giorni, settimane, sono stato insultato e accusato di aver sollevato la questione Ong. Uno stimato e stimabile procuratore della Repubblica, qual e’ il magistrato Zuccaro, e’ stato messo all’indice da opinionisti e pseudo-tali. Tutto questo come se la Libia non fosse un tema di sicurezza nazionale, come se i flussi migratori nascessero dal nulla, come se i trafficanti di esseri umani fossero cosa di poco conto, ma soprattutto come se difendere i propri confini nazionali debba essere motivo di vergogna. E’ buon senso, tutto qua”. Lo scrive Luigi Di Maio su Facebook. “E non a caso – riprende il vicepresidente M5S della Camera – dopo piu’ di un mese il governo ha goffamente tentato di far proprie le nostre proposte, varando un codice che, a loro dire, limiterebbe l’operato delle Ong nel Mediterraneo. Peccato solo che ieri, durante la riunione al Viminale, ben 2 Ong su 3 si siano rifiutate di firmare il protocollo, e questo francamente dispiace. Dispiace, ma restiamo in Paese sovrano e se qualcuno parla di codici, noi – rilancia – preferiamo parlare di leggi: c’e’ la proposta del MoVimento 5 Stelle a prima firma Bonafede che prevede bordo delle Ong la presenza di unita’ con compiti di polizia giudiziaria in modo da poter combattere concretamente l’operato dei trafficanti libici”. “Il Pd ha i numeri per portarla in aula, lo faccia e la voteremo. Se Renzi e i suoi preferiscono invece copiarcela come hanno gia’ fatto con i vitalizi procedano pure, non ci offenderemo. L’importante – afferma ancora – e’ porre un argine ai continui flussi migratori verso le nostre coste e, al contempo, impedire che centinaia di persone continuino a morire in mare in questi terribili ‘viaggi della morte'”. “Oggi peraltro il governo informera’ anche le commissioni Esteri e Difesa di questa presunta missione navale dopo le voci contraddittorie giunte da Tripoli nelle ultime 48 ore. Da parte nostra, sia chiaro, nessun pregiudizio, ma a guardarci indietro qualche perplessita’ sulle capacita’ di pianificazione di Gentiloni e co. sovviene eccome. Del resto, come confermatoci dalla stessa Frontex (l’agenzia Ue che si occupa di monitorare le frontiere terrestri e marittime dell’Unione), e’ stato Matteo Renzi in persona nel 2014 a svenderci per qualche bonus di 80 euro. Qualche briciola di flessibilita’ in cambio della nostra sicurezza. E poi questi sarebbero coloro che hanno a cuore il destino del Paese?”, conclude Di Maio.

MIGRANTI, DELEGAZIONE MDP A LAMPEDUSA

Una delegazione di parlamentari di Articolo Uno, guidata dal deputato siciliano Angelo Capodicasa e composta da Tea Albini, Franco Bordo, Filippo Fossati e Arcangelo Sannicandro, si è recata a Lampedusa, per visitare l’hotspot dove vengono accolti e identificati i migranti salvati al largo della Libia e per raccogliere dall’amministrazione comunale appena eletta notizie e giudizi sulla situazione dell’isola. “Il primo dato evidente – affermano i deputati di Mdp – è il successo della stagione turistica, segno che l’approccio solidale della popolazione negli anni dell’emergenza e la cura del territorio e della vita sociale dell’isola hanno diffuso una immagine positiva per un’isola di per sé meravigliosa”. “Quello che non è stato rispettato – proseguono – è invece l’impegno dello Stato a porre rimedio ai danni prodotti dagli effetti negativi degli anni della concentrazione sull’isola della massa di arrivi dal mare, sia sul piano del sollievo fiscale per gli abitanti, sia sugli investimenti promessi in infrastrutture ambientali, idriche, produttive. Su questo versante, si accumulano ritardi e inefficienze inspiegabili, non contrastate a sufficienza dalla giunta precedente, di cui il nostro Gruppo chiederà conto al Governo”. “Anche l’intervento per ripristinare la parte del centro di accoglienza hot spot andata a fuoco due anni fa si è bloccato, mettendo in difficoltà la gestione, peraltro ammirevole, di un centro organizzato per accogliere, in queste condizioni, non più di trecento persone e sottoposto durante questo inverno alla pressione di numeri anche tre volte più grandi”, “il futuro di Lampedusa, alla ricerca di “normalità”, pur nel cuore del dramma dell’immigrazione, sarà un banco di prova per la credibilità del paese. Per questo Articolo Uno ne farà una priorità della sua iniziativa parlamentare”, concludono.

LIBIA, BOZZA ESTERI:OPERAZIONE SOSTEGNO GUARDIA COSTIERA COERENTE CON STRATEGIA

“L’estensione dell’operazione di sostegno alla Guardia costiera libica, attraverso l’operazione Mare Sicuro, è pienamente coerente” con la “strategia” già intrapresa. Lo si legge nella bozza di risoluzione della commissione Esteri alla Camera, che domani sarà discussa in aula. “L’Italia – si legge ancora nella bozza – può mettere a segno un importante salto nell’azione di contrasto al traffico di persone nel Mediterraneo centrale mettendo in campo tutta la vasta mole d’informazioni raccolte in questi anni dalla nostra intelligence”. “E’ importante rilevale – si legge – che il pieno recupero del controllo delle acque territoriali libiche da parte della Guardia costiera non riguarda però soltanto l’Italia ma tutti i Paesi dell’Ue ed è per questo auspicabile che all’impegno diretto della flotta italiana, nel quadro dell’operazione Mare sicuro, si aggiunga quello delle unità impegnate nelle missioni Eunavrormed Sophia e Triton”.

LIBIA: SCILIPOTI “GENTILONI VALUTI SE INVIARE NAVI ITALIANE”

“Auspichiamo che l’Italia rifletta sull’inutilita’ dell’invio, nelle acque della LIBIA, di navi per pattugliare le coste contro il traffico di esseri umani. Il governo di Tobruk, riconosciuto solo dalla Francia e dall’Egitto ma non dall’Onu, ha definito l’iniziativa di Gentiloni, richiesta invece da quello di Tripoli, come un pretesto per l’invasione. Il nostro paese deve usare prudenza per non alimentare, anche involontariamente, le divisioni interne col rischio di ritrovarsi ad affrontare le ostilita’ di una parte del popolo libico e di non risolvere, con serieta’, il problema degli sbarchi”. Lo afferma in una nota il senatore di Forza Italia, Domenico Scilipoti Isgro’. “La questione dell’immigrazione dovrebbe essere affrontata invece – aggiunge – con l’aiuto dell’Unione Europea. Quest’ultima potrebbe finanziare infatti le aziende del vecchio contenete disposte a investire, negli stati poveri, nei settori dell’agricoltura e dell’artigianato. Tale strategia stimolerebbe, mediante l’assunzione di manodopera locale, la produttivita’ e incentiverebbe i cittadini a non fuggire in altre terre in cerca di un domani migliore”. “E’ arrivato il momento di concretizzare tutto cio’ – conclude Scilipoti Isgro’ – , anche perche’ i centri di accoglienza di molti paesi, come il nostro, sono al collasso e la stagione estiva favorisce l’arrivo dei profughi”.

Libia: Meloni, FdI disponibile ma no a gioco delle tre carte =

“Fratelli d’Italia e’ disponibile ma solo sul merito ci esprimeremo in maniera compiuta. Non sia pero’ il gioco delle tre carte”. Cosi’ la presidente di Fdi, Giorgia Meloni, in una conferenza stampa alla Camera prima di ascoltare le comunicazioni dei ministri della Difesa, Roberta Pinotti, e degli Esteri, Angelino Alfano (previste alle 13) davanti alle commissioni di Camera e Senato sulla missione in Libia. “Attendo di vedere di cosa stiamo parlando – ha spiegato – e’ un tema molto serio e speriamo che sia affrontato in maniera molto seria. Noi siamo disponibili con un voto di astensione o favorevole di incoraggiamento a monte del fatto che c’e’ un grande cambio di passo del governo dall”accogliamo tutti i migranti’ al ‘aiutiamo la Libia a fare il blocco navale'”.

Libia: Laforgia (Mdp), molti aspetti da chiarire

“Ci sono molti aspetti da chiarire. Vogliamo sapere qual e’ la copertura giuridica di questa missione in un contesto politico ancora incerto, quali sono le regole di ingaggio per evitare incidenti dagli esiti imprevedibili e che fine fanno i migranti respinti. Su questo tema cosi delicato pretendiamo chiarezza dal Governo”. Cosi’ il capogruppo di Articolo 1-Mdp, Francesco Laforgia, in merito alla decisione del Governo di inviare navi militari in Libia per far fronte all’emergenza migranti.

== Vitalizi: M5S, non la passano liscia. Faremo nomi sabotatori =

“Non la passeranno liscia”. Dal blog di Beppe Grillo, i 5 Stelle, sul tema dell’abolizione dei vitalizi ora al Senato, accusano il Pd che “ha l’enorme responsabilita’ di aver illuso i cittadini che per una volta avrebbero votato un provvedimento giusto dopo migliaia di voti vergogna” e annunciano che “faremo nomi e cognomi di chi sabotera’ il provvedimento e salvare i vitalizi perche’ gli italiani devono sapere con chi hanno a che fare”. “Come fa una legge a essere valutata dallo stesso partito in un modo alla Camera e in un altro al Senato? Ce lo spieghera’ il segretario Renzi o quando i giornalisti glielo chiederanno – ironizza M5S – lancera’ con sprezzo nordcoreano il microfono a terra come ha fatto ieri? Forse riusciranno ancora a salvarsi, ma in ogni caso quando andremo al governo elimineremo tutti i privilegi e dimezzeremo i loro stipendi”.

== Vitalizi: M5S, non la passano liscia. Faremo nomi sabotatori (2)=

“La settimana scorsa – ricorda il post – abbiamo ottenuto una vittoria storica. Grazie al MoVimento 5 Stelle la Camera dei deputati ha votato a maggioranza per l’abolizione del vitalizio ai parlamentari. Una cosa mai accaduta prima e su cui nessuno avrebbe scommesso un euro a inizio legislatura. Una vittoria ancora piu’ forte perche’ abbiamo costretto il Pd a portare in aula la nostra proposta e a votarla. Controvoglia, ma l’hanno votata. Le loro facce non riuscivano a nascondere il loro ribrezzo nel votare una legge voluta dal popolo e per il popolo in cui i loro interessi personali e di partito non erano neppure lontanamente considerati. Pero’ l’hanno votata”. “Il Pd ha perso il pelo. Pero’ il vitalizio – si legge ancora – non vogliono perderlo e si stanno organizzando per un clamoroso voltafaccia al Senato. La legge sui vitalizi puo’ essere discussa e approvata subito e infatti abbiamo chiesto al Senato di discutere urgentemente il disegno di legge approvato la scorsa settimana alla Camera. Oggi i cittadini sapranno esattamente chi ha votato per tenersi il vitalizio il piu’ a lungo possibile. Il Pd ha gia’ detto che seguira’ questa linea perche’ insieme a Forza Italia e Mdp hanno gia’ pronto il trucco per affossare la legge. Vogliono rallentare la discussione che avverra’ cosi’ solo in autunno e poi approvare modifiche per farla nuovamente tornare alla Camera, quando – accusano i 5 Stelle – non ci sara’ piu’ il tempo di approvarla e potranno tenersi il vitalizio”.

Mdp, Rossi: Pisapia preferisce Pd di Renzi? Andiamo avanti lo stesso

“Noi a Pisapia abbiamo dato molta credibilità. Ma se rinvia gli appuntamenti, se pensa che l’unica alternativa sia allearsi con il Pd di Renzi, questo lo deve decidere lui. Noi intendiamo costruire una forza politica che parta da Pisapia e abbracci tutta la sinistra. Ma se non potrà essere così, noi andiamo avanti comunque, non ci fermiamo”. Così, intervistato su Rainews24, il governatore della Toscana, Enrico Rossi.

Lavoro, Poletti: giù cuneo per chi assume giovani in forma stabile

“Uno degli interventi che stiamo valutando è il sostegno all’occupazione giovanile attraverso una riduzione del costo del Lavoro per chi assume giovani in forma stabile. Ed è tema in discussione in questo periodo perché sarà all’ordine del giorno della legge di bilancio”. Poletti aggiunge che “quando andremo a chiudere la discussione sulla legge di bilancio per noi è assolutamente chiaro che deve andare in questa direzione (taglio cuneo, ndr). Abbiamo sempre sostenuto che va favorito il Lavoro stabile e che dal punto di vista dei costi è bene che il Lavoro stabile costi meno del Lavoro precario. In Italia non è mai stato così, storicamente avevamo il paradosso di Lavoro precario che costava di meno del Lavoro stabile. Noi abbiamo cambiato in maniera radicale questa situazione perché abbiamo tolto dalla base di calcolo l’Irap sul costo del Lavoro stabile, abbiamo fatto altri interventi e quelli che faremo vanno in questa direzione”.

*** Fincantieri: Padoan, deve avere la maggioranza di Stx France

Fincantieri deve avere la maggioranza assoluta del cantiere Stx France, altrimenti non ci sara’ nessun accordo. Lo ha ribadito alla Afp il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. “Fincantieri deve avere oltre il 50%, dal momento che i coreani avevano i due terzi” del capitale di STX France, ha detto il ministro italiano, che incontrera’ nel pomeriggio con il suo omologo francese Bruno Le Maire.

FINCANTIERI: SALVINI, GOVERNO GENTILONI NON DIFENDE INTERESSI ITALIA

“Sarebbe ora che il governo italiano difendesse gli interessi nazionali. Se serve, nazionalizzando, proteggendo, imponendo dazi e controlli. I francesi fanno gli interessi dei francesi, i tedeschi quelli dei tedeschi. Il problema nostro è che il governo non fa gli interessi degli italiani”. Lo dice Matteo Salvini, stamane a Montecitorio, parlando del caso Fincantieri.

FINCANTIERI, DOMANI INFORMATIVA CALENDA ALLA CAMERA. SALTA QUESTION TIME

I rappresentanti dei gruppi a Montecitorio, all’unanimità, hanno rinunciato al question time di domani per consentire lo svolgimento dell’informativa urgente del ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, sull’acquisizione da parte di Fincantieri dei cantieri navali STX Saint-Nazaire. Lo rende noto Montecitorio. L’intervento è previsto alle 15,30. Dopo il ministro un intervento per gruppo della durata di 5 minuti. (

++ Venezuela:Gentiloni,impegnati contro rischio dittatura ++

“Venezuela. Arresto dei leader opposizione inaccettabile. Italia impegnata contro rischio dittatura e guerra civile”. lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni mentre sul sito del governo italiano viene pubblicata la dichiarazione del presidente del Consiglio rilasciata ieri in un’intervista in cui si afferma che l’Italia non riconoscera’ “l’Assemblea costituente voluta da Maduro”.

Venezuela: Casini, solidarieta’ Senato a popolo e parlamento

“Leopoldo Lopez e il legittimo sindaco di Caracas, Antonio Ledezma, che era agli arresti domiciliari, entrambi esponenti dell’opposizione, sono stati prelevati da casa questa mattina all’alba da forze della polizia bolivarista e non si sa dove siano stati portati. Vorrei che il Senato, che e’ stata la prima voce che si e’ levata per solidarizzare con il Parlamento e con il popolo venezuelano, mandasse un messaggio chiaro: dell’incolumita’ fisica di questi due esponenti e leader venezuelani e’, a pieno titolo, responsabile il presidente Maduro, per tutto quello che potra’ succedere nelle prossime ore”. Lo ha detto in Aula al Senato Pier Ferdinando Casini, presidente della commissione Affari esteri all’inizio della seduta. “Le famiglie, infatti, – aggiunge – ci chiedono di lanciare questo appello a difesa dei diritti delle persone e della loro incolumita’ fisica”. “Ieri – prosegue Casini – il presidente Gentiloni e il nostro ministro degli Esteri Alfano hanno usato parole chiare, limpide e trasparenti. Hanno parlato di deriva totalitaria e dittatoriale, con votazioni imposte al popolo di un’assemblea costituente che in alcun modo l’Europa e l’Italia riconoscono”.

Venezuela, Cesa (Udc): Ora intervenga anche l’Europa

“Ritengo necessari interventi funzionali a ridurre drasticamente le perdite di rete ed a mettere in sicurezza le fonti e gli acquedotti principali che alimentano Roma e i Comuni limitrofi, con investimenti significativi che devono trovare spazio nel Piano Industriale aggiornato di Acea e che fino ad oggi non erano presenti. Di particolare importanza è il raddoppio dell’acquedotto del Peschiera, opera non più rinviabile. Risulta altrettanto necessario un forte impegno da parte dell’Ente d’ambito, in qualità di soggetto pubblico regolatore e organizzatore del servizio idrico, composto da tutti i Comuni interessati, primo tra tutti il Comune di Roma”. Così in una nota Lorenzo Cesa (Udc).

++ C.destra: Salvini, sono pronto a guidare il Paese ++

“Io sono pronto a guidare il Paese con una coalizione alternativa a Renzi e a Grillo e senza raccattare quelli che fino a ieri mattina hanno difeso le loro poltrone con Renzi, io sono pronto, non vedo l’ora di rivoluzionare il fisco, la scuola, la giustizia e bloccare l’invasione. Sono ben pronto con il centrodestra”. Lo afferma Matteo Salvini parlando del futuro centrodestra.

ASSEMBLEE A LINATE E MALPENSA, DISAGI E VOLI IN RITARDO LAVORATORI SERVIZI A TERRA. DISAGI IMBARCO-CONSEGNA BAGAGLI

Ritardi fino ad un’ora dei voli dagli aeroporti di Linate e Malpensa e forti disagi per i passeggeri per un’assemblea spontanea generale dei lavoratori delle societa’ che forniscono i servizi a a terra. Le riunioni si sono concluse alle ore 7 a Linate e intorno alle 10 alla Malpensa, dove e’ durata 5 ore. Disagi per i passeggeri nell’imbarco e consegna dei bagagli.

MSF NON MOLLA, NO A CODICE MA CONTINUEREMO A LAVORARE IN MARE MINISTRI PINOTTI E ALFANO RIFERISCONO SULLA MISSIONE IN LIBIA

All’indomani del no alla firma del codice di condotta sui salvataggi in mare, Medici senza frontiere fa sapere per bocca del suo dg Gabriele Eminente che l’organizzazione continuera’ la sua opera nel Mediterraneo, spiegando che il codice proposto dal governo italiano non e’ stato accettato ‘perche’ non tutela il nostro lavoro e poi c’e’ gia’ la legge internazionale che regolamenta il tutto’. Resta quindi lo scontro fra Viminale e quelle Ong che hanno detto no. Intanto, prende forma la missione delle navi italiane in Libia: oggi i ministri della Difesa e degli Esteri Pinotti e Alfano riferiscono alle commissioni riunite; domani la parola passa all’aula della Camera.

SI APRE LA PORTA DEL BUS, NEONATO SBALZATO FUORI VICINO A ROMA, BIMBO GRAVE MA NON IN PERICOLO VITA

Un neonato di due mesi e mezzo e’ rimasto ferito, con prognosi di 30 giorni, dopo essere sbalzato in strada da un bus. E’ accaduto ieri a Villanova di Guidonia, vicino a Roma. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Tivoli, il bimbo era con la mamma, una 29enne romena, su un autobus Cotral. Per motivi ancora da chiarire, mentre il mezzo effettuava una curva a gomito la carrozzina con all’interno il neonato e’ finita contro il portellone centrale che si e’ aperto e il piccolo e’ finito in strada.

FINCANTIERI-STX, PARIGI PROPONE 50-50 MA LA GUIDA ITALIANA IL TITOLO DEL GRUPPO IN RIALZO IN ATTESA DEL FACCIA A FACCIA

Un patto tra azionisti al 50 e 50 tra partner italiani e francesi, ma con la piena guida dei cantieri di Saint Nazaire al gruppo italiano. Questa, secondo quanto anticipato dal ministro dell’ Economia francese Le Maire al Corriere, la proposta che Parigi avanza oggi nell’atteso vertice romano con i ministri dell’ Economia e dello Sviluppo Padoan e Calenda sul caso politico-economico di Fincantieri-Stx. L’Italia, da parte sua, e’ intenzionata a confermare la linea dura, contraria all’ipotesi paritaria: al di sotto del 51% non si va. Continua intanto il rialzo in borsa del titolo del gruppo italiano.

VENEZUELA, DUE LEADER DELL’OPPOSIZIONE ARRESTATI DAI SERVIZI LOPEZ E LEDEZMA ERANO AI DOMICILIARI, VIA DA CASA NELLA NOTTE

Erano agli arresti domiciliari per motivi di salute, ma sono stati portati via da casa nel cuore della notte da agenti dei Servizi di intelligence (Sebin). Si tratta dei due leader dell’ opposizione venezuelana Leopoldo Lopez e Antonio edezma, riferiscono fonti di stampa. Il primo era gia’ stato condannato da un tribunale di Caracas a 13 anni e 9 mesi di carcere per associazione a delinquere, incendio, danni alla proprieta’ pubblica e istigazione alla violenza di piazza. Il secondo, ex sindaco della capitale, era stato arrestato nel febbraio 2015 con l’accusa di cospirazione golpista e istigazione alla protesta.

SI PRESENTA ALLA POLIZIA COL CADAVERE DELLA FIDANZATA IN AUTO PALMANOVA, LEI 21 ANNI, LUI 24. RISULTAVANO SCOMPARSI DA IERI

Un uomo di 34 anni si e’ presentato stamani al Comando della Polizia stradale di Palmanova (Udine) con il cadavere di una ragazza di 21 anni, la sua fidanzata, nella propria auto. Non avrebbe chiarito la causa della morte, gli investigatori procedono con l’ipotesi di un omicidio. Gli accertamenti sono svolti dalla Polstrada e dalla Squadra Mobile di Udine. Le tracce dei due erano scomparse da ieri sera. Sul posto anche il pm di turno, Letizia Puppa.

BIMBA DI DUE MESI CON LESIONI IN OSPEDALE, DENUNCIATO PADRE L’UOMO AMMETTE RESPONSABILITA’, ACCUSA LESIONI-MALTRATTAMENTI

La Procura di Vercelli ha indagato il padre della bimba di due mesi ricoverata da alcuni giorni all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino in gravi condizioni. L’uomo ha ammesso di essere il responsabile delle ferite per cui la neonata, dopo il ricovero all’ospedale di Vercelli, e’ stata trasferita a Torino. E’ accusato di lesioni gravi e maltrattamenti. Le indagini sono state condotte dalla squadra mobile della Questura di Vercelli. L’uomo ha ammesso le proprie responsabilita’.

OLIMPIADI, A PARIGI L’EDIZIONE 2024, A LOS ANGELES NEL 2028 DA CIO 1,7 MLD DLR. TERZA VOLTA PER CITTA’ USA, ORGOGLIO TRUMP

Accordo fatto: Parigi ospitera’ le Olimpiadi del 2024 e Los Angeles quelle del 2028. L’Italia resta a guardare con l’amaro in bocca e tanti rimpianti, dopo il ritiro della candidatura di Roma e lo stop a Milano. Il comitato olimpico sborsera’ 1,7 mld di dollari per i Giochi del 2024, e altrettanti (piu’ 500 mln di bonus per complessivi 2,2 mld di dollari) per quelli del 2028. Per Los Angeles si trattera’ delle sue terze Olimpiadi, dopo quelle del 1984 e del 1932. Trump: ‘siamo orgogliosi’.

==Fincantieri-Stx: Pittella, serve la procedura d’infrazione ‘La Commissione Ue la prepari, violate regole della concorrenza’    (ANSA) – ROMA, 1 AGO – “Invito la Commissione Ue ad approfondire il tema, va capito se questa operazione e’ compatibile con le regole su concorrenza e mercato unico e con la difesa dei diritti dei consumatori”. Lo dice alla Stampa Gianni Pittella, capogruppo del Pse al Parlamento europeo, che chiede un pronunciamento della Commissione sull’intervento di Parigi nella vicenda Fincantieri-Stx. “Bisogna capire bene – dice Pittella – se sia interesse dei cittadini francesi che si faccia con i loro soldi una nazionalizzazione invece che un’operazione con Fincantieri che garantiva il mantenimento dei livelli occupazionali”. Su cosa puo’ fare la Commissione Ue ora, Pittella aggiunge: “La Commissione nella sua autonomia deve fare una verifica sul rispetto delle regole e nel caso ci siano delle violazioni apre una procedura di infrazione. Io posso fare una valutazione di carattere politico e non giuridico, quella spetta agli organi preposti. E il Parlamento europeo deve essere informato. Un tema del genere non puo’ restare chiuso nella logica tra due Stati, ma coinvolge la tenuta del mercato unico europeo e del principio della concorrenza”.

==Legge elettorale: Rosato,a settembre dialogo in Parlamento ‘Da Berlusconi cose gia’ dette, da parte nostra nessuna ostilita”    (ANSA) – ROMA, 1 AGO – “Non voglio ammazzare la legge elettorale, affogandola in un dibattito agostano”, a settembre se ne riparlera’ “all’interno di un dialogo parlamentare”. Lo afferma a Repubblica, Ettore Rosato, capogruppo del Pd alla Camera. “Noi siamo quelli che abbiamo dimostrato piu’ disponibilita’ di chiunque altro, rinunciando, in vista di un accordo largo, anche alla nostra richiesta iniziale di un sistema maggioritario. Da parte nostra – aggiunge – siamo disponibili a fare un accordo con tutti”. A Silvio Berlusconi, che ha rilanciato il sistema tedesco, dice che  “se ne riparlera’ a settembre. Non sono ostile ad affrontare la questione ma per tutelare il merito della vicenda, preferisco evitare di avanzare proposte in un inutile dibattito estivo. Berlusconi conferma cose che ha gia’ detto in tante occasioni”. Quanto al rapporto con Giuliano Pisapia e il Campo Progressista, Rosato afferma che “e’ un nostro alleato naturale, sul nodo delle coalizioni discuteremo prima al nostro interno”.

 

Annunci