Visura catastale, cos’è e come richiederla

La visura catastale permette di consultare atti e documenti catastali e consente anche di accedere a numerosi dati di un immobile. Vediamo cos’è e come funziona con le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate anche per effettuarla online.

Visura catastale, cos’è

Nel dettaglio, le informazioni catastali, eccetto la consultazione delle planimetrie (riservata esclusivamente agli aventi diritto sull’immobile o ai loro delegati) sono pubbliche, quindi l’accesso è consentito a tutti pagando i relativi tributi speciali catastali e nel rispetto della normativa vigente. I titolari, anche in parte, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento, possono chiedere la visura catastale gratuita e in esenzione dei tributi, per gli immobili di cui risultano titolari in catasto.

Come spiega la stessa Agenzia delle Entrate, la visura catastale consente la consultazione di:

  • dati identificativi e reddituali dei beni immobili (terreni e fabbricati);
  • dati anagrafici delle persone, fisiche o giuridiche, intestatarie dei beni immobili;
  • dati grafici dei terreni (mappa catastale) e delle unità immobiliari urbane (planimetrie);
  • monografie dei Punti Fiduciali e dei vertici della rete catastale;
  • elaborato planimetrico (elenco subalterni e rappresentazione grafica);
  • atti di aggiornamento catastale.

Come richiederla

La visura catastale può essere richiesta presso qualsiasi Ufficio provinciale – Territorio, sportello catastale decentrato, Sportello Amico (attivo negli uffici postali) oppure online per via telematica tramite i servizi online del sito dell’Agenzia delle Entrate. Per i dati informatizzati, la visura catastale viene rilasciata al richiedente in formato cartaceo se richiesta agli sportelli oppure in pdf se richiesta online.

Il rilascio della visura catastale prevede il pagamento dei tributi speciali catastali, mentre l’esenzione dal pagamento si applica per i titolari, anche in parte, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento per gli immobili di cui risultano titolari in catasto.

Per ogni consultazione erogata dal servizio “Visura catastale telematica” l’importo dovuto a titolo di tributo speciale catastale è calcolato applicando la tariffa vigente diminuita del 10%, perché riferita a visure erogate per via telematica, e aumentata del 50%, trattandosi di visure fornite non su base convenzionale:

  • visura per soggetto, l’importo è di 1,35 euro per ogni 10 unità immobiliari, o frazione di 10;
  • visura, attuale o storica, per immobile, l’importo è di 1,35 euro;
  • visura della mappa, l’importo è di 1,35 euro.

Modalità di ricerca

La visura catastale, in relazione a un determinato periodo di riferimento, può essere richiesta utilizzando diverse modalità di ricerca:

  • per immobile;
  • per soggetto;
  • per partita.

La ricerca per immobile si esegue utilizzando due possibili chiavi di ricerca:

  • l’identificativo catastale del bene immobile, cioè la particella catastale per il Catasto dei Terreni o l’unità immobiliare urbana per il Catasto dei Fabbricati;
  • l’indirizzo dell’unità immobiliare urbana. In questo caso la ricerca è limitata all’archivio del solo Catasto dei Fabbricati.

La ricerca per soggetto può essere effettuata consultando le informazioni catastali di un bene immobile, intestato a uno o più soggetti, inserendo i dati anagrafici del soggetto interessato: cognome, nome, sesso, codice fiscale se persona fisica, denominazione e sede legale se persona giuridica. La ricerca può essere eseguita negli archivi sia del Catasto dei Terreni, sia del Catasto dei Fabbricati.

La ricerca per partita si riferisce a un numero (di partita) che identifica l’insieme di immobili su cui vantano contemporaneamente diritti, in un determinato periodo, i medesimi soggetti (ditta catastale). La consultazione che utilizza, quale chiave di ricerca, la partita, fornisce quindi i dati catastali degli immobili riferiti alla medesima ditta catastale. La ricerca è limitata al solo Catasto dei Terreni o al solo Catasto dei Fabbricati.

In relazione ad un determinato periodo di riferimento le consultazioni catastali che possono avere un contenuto:

  • attuale, se riferito alla situazione catastale corrente;
  • storico, se riferito a tutte le situazioni relative al periodo richiesto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.