Dati Istat sulla povertà. Quasi 5 milioni di persone che non pensano ad alleanze e leader

Arrivano i dati Istat. Nel 2016 erano 1 milione e 619mila le famiglie residenti in Italia in condizione di poverta’ assoluta. In tutto 4 milioni e 742mila individui. Rispetto al 2015 l’Istituto nazionale di statistica rileva una sostanziale stabilita’ della poverta’ assoluta in termini sia di famiglie sia di individui. L’incidenza della poverta’ assoluta sale al 26,8% dal 18,3% del 2015 tra le famiglie con 3 o piu’ figli minori, coinvolgendo nel 2016 137mila 771 famiglie e 814mila 402 individui. La condizione di poverta’ aumenta anche fra i minori, da 10,9% a 12,5%.

Leggere questi dati porta ad una domanda: Ma i 4 milioni e 742mila cittadini hanno il tempo e sopratutto lo stato d’animo giusto per pensare ai ragionamenti sulle alleanze ed i possibili leader di quei partiti che dovrebbero tutelarli ed aiutarli ad uscire dallo stato drammatico in cui si trovano?

Eppure in Italia abbiamo oltre 30 schieramenti che si dicono di sinistra, quelli che dovrebbero parlare di giustizia sociale, diritti del lavoro, lotta alla povertà, periferie, zone emarginate, valorizzazione della partecipazione della cittadinanza attiva. Progressisti, social democratici, un po’ più a centro un po’ più a sinistra. Dalle tonalità che vanno dal rosso granata all’arancione sbiadito. Tutti presi in questi giorni dal rebus delle alleanze e dalle formule per fondere l’atomo che nei mesi precedenti si sono impegnati a scindere.

Intanto quasi 5 milioni di donne, uomini e bambini restano poveri, stabilmente poveri. I giovani, neanche a dirlo, stanno molto peggio degli anziani e le aspettative per il futuro sono meno buone rispetto ad oggi, con generazioni che nascono povere e lo rimangono, così come rimane la crisi di lavoro e l’assenza di reddito.

C’è bisogno di un soggetto politico che pensi a queste persone sia per l’oggi che per il domani, con azioni concrete, prima che sia troppo tardi …

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.