Palermo ed il “mito di Aracne” in salsa grillina

mixPalermo. Corsi e ricorsi storici. In questi mesi stiamo assistendo ad una lotta senza esclusione di colpi tra correnti “grilline”.

Un susseguirsi di attacchi, accuse incrociate e contro attacchi a suon di carte bollate e molti a chiedersi il perché, cosa ci sia dietro questa guerra e soprattutto chi tesse la tela.

Eppure basterebbe guardare le “coincidenze”,  gli attori scesi in campo e ciò che li accomuna, l’antimafia di professione.

Da una parte il gruppo dei “monaci” nutiani. Un gruppo spietato chiuso e familistico  con a capo Riccardo Nuti, componente della commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie. Dall’altra nuovi e redivivi attivisti come Salvatore Ugo Forello, fondatore dell’associazione antimafia ed antiracket “Addiopizzo” ed Adriano Varrica, oggi collaboratore di Ignazio Corrao (M5S) al Parlamento europeo, ex attivista degli “amici di Beppe Grillo” ed ex collaboratore di Sonia Alfano sempre al Parlamento europeo.

Leggendo solo gli ultimi avvenimenti non si intuisce il legame tra i fatti accaduti ed i probabili disegni finali, ma io che sono in mala fede due ipotesi me le sono immaginate.

Sonia Alfano, oltre ad essere stata Presidente della commissione Antimafia europea, nel 2012 insieme ad altri due campioni dell’Antimafia, Beppe Lumia e Rosario Crocetta, appoggiarono la candidatura di Fabrizio Ferrandelli a Sindaco di Palermo, sostenendolo anche alle primarie contro Rita Borsellino (LEGGI QUI).

Seguendo il filo dell’Antimafia di professione si potrebbero ipotizzare due scene:

la prima ricondurrebbe gli indizi ad un improbabile appoggio esterno al lanciato Fabrizio Ferrandelli in onore dei vecchi tempi;

la seconda (secondo me probabile), attraverso la “mediazione” di Varrica e le amicizie incrociate con Lumia, Sonia Alfano ed Ugo Forello, porterebbe a quest’ultimo affinché diventi sindaco di Palermo sfruttando un contenitore apparentemente vergine come il Movimento 5 Stelle per il mantenimento dei soliti interessi di chi da anni utilizza l’Antimafia per gestire il potere.

Sono solo delle ipotesi, la storia dirà se corrette o meno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.