MAFIA: FILLEA PALERMO A DEPUTATI, AZIENDE CONFISCATE A RISCHIO FALLIMENTO

ati groupPalermo, 13 mag. (AdnKronos) – Le aziende sottratte alla mafia e amministrate dallo Stato chiudono. Ad accendere i riflettori sulle criticità delle imprese sottratte ai boss e a rischio fallimento è la Fillea Cgil di Palermo, che ha inviato una lettera ai parlamentari, puntando il dito sul sistema di gestione creato “autoreferenziale” e senza “alcuna reale verifica sull’efficacia dell’azione di management” denuncia il segretario della Fillea Cgil di Palermo, Francesco Piastra, che ha inviato la missiva ai senatori Corradino Mineo, Fabrizio Bocchino, Francesco Campanella e al deputato Erasmo Palazzotto, che hanno partecipato il 29 aprile scorso a una iniziativa della Fillea per fare il punto sulle confische.

La Fillea chiede ai deputati un sostegno per sollecitare il governo in un’azione di intervento e controllo sulle questioni urgenti e drammatiche create da una gestione “inefficiente e poco trasparente” delle aziende confiscate, che rischiano di chiudere malgrado siano altamente qualificate nel loro settore di riferimento.

“Per tali aziende, contrariamente alle previsioni di legge, si prospetta un licenziamento di massa, ingiusto per i lavoratori, dannoso per l’economia, disastroso per l’immagine dello Stato”, aggiunge Piastra.

Il sindacalista chiede l’applicazione della legge e la messa a disposizione dei sindacati delle informazioni su indirizzi e linee guida dell’Agenzia dei beni confiscati, sull’elenco di tutte le aziende con valore economico di ciascuna e numero dei dipendenti. La Fillea sollecita, inoltre, l’albo nazionale degli amministratori giudiziari e degli esperti e le relazioni sulla gestione delle aziende.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.