Di carcere si muore. Cadaveri in cerca d’autore

Scritto da  Vincenzo Andraous

ucciardone2ROMA – Partendo dall’idea che di galera non si debba parlare, dei morti ammazzati dentro una cella neppure, del suo sovraffollamento meno ancora, volendo così  significare che l’ingiustizia è stata finalmente sanata, mi sovviene un pensiero che rafforza drammaticamente quel che è già risaputo da tempo: più la galera sarà ridotta a un lazzaretto disidratato, più chi poco conosce della prigione risulterà contento.

Chiaramente si tratta di una disattenzione che renderà il cittadino ulteriormente allarmato, ovvero alla ricerca di sempre nuove sanzioni restrittive che però non risolveranno i problemi che affliggono la società di cui è parte. Una sorta di autoipnosi collettiva, perché è provato dalla recidiva inequivocabile che le carceri punitive non consentono alcuna rieducazione, alimentando ben poca “sicurezza” per quei cittadini che invece auspicano una giustizia giusta.

Sul carcere è franato un silenzio spesso come la pece, frutto di un’architettura sofisticata al punto da non obbligare ad alcuna indignazione, neanche per  le patologie a doppia diagnosi che s’espandono nelle celle di una prigione. C’è silenzio feroce della notizia, tramortita dall’estate in dirittura conclusiva, contiene un messaggio sottotraccia, non bisogna parlarne troppo, occorre evitare strilli e urla, sono “eventi critici” che dalla notte dei tempi appartengono al novero delle “insindacabilità” carcerarie. Continua a leggere

Annunci

#Grecia: Segreteria di #Syriza su recenti sviluppi politici

logo_syrizaA tutti i partiti della Sinistra Europea
A tutti i partiti di sinistra e progressisti, amici e fraterni

Atene, 26 agosto 2015

Cari compagni e amici,


il 20 agosto il primo ministro greco, il compagno Alexis Tsipras, in un discorso alla nazione ha annunciato le sue dimissioni e ha chiesto al Presidente della Repubblica di avviare il processo costituzionale per le elezioni anticipate (da tenersi possibilmente il 20 settembre). Lo stesso giorno il compagno Tsipras si è recato dal Presidente della Repubblica greca Pavlopoulos e ha ufficialmente rassegnato le sue dimissioni. Continua a leggere

TARIFFE: CONFARTIGIANATO, IN PERDITA AZIENDE PUBBLICHE REGIONI SUD

tari-e1430919584452ROMA 22 AGO – Tra giugno 2012 e giugno 2015 le tariffe dei servizi pubblici locali (raccolta rifiuti, trasporti pubblici, parcheggi, istruzione secondaria, mense scolastiche, nidi d’infanzia comunali e certificati anagrafici) sono aumentate del 9,9%, mentre l’inflazione e’ rimasta contenuta ad un aumento dell’1,7%.

E’ quanto sottolinea Confartigianato, che ha calcolato il costo dei servizi pubblici per le tasche di famiglie e imprenditori rivelando una vera e propria impennata negli ultimi due anni che si e’ tradotta in un rincaro del 6,2% delle tariffe a fronte di un modesto aumento dello 0,5% del tasso di inflazione.

A crescere sono le tariffe applicate dalle 1.782 aziende pubbliche partecipate a livello locale, presenti in tutta Italia e nelle quali spesso le perdite superano gli utili di esercizio. Continua a leggere

Adeguamento canone di locazione, variazione indice istat negativa ad agosto 2015

2alquiler_5L’istituto di statistica nazionale ha pubblicato l’indice dei prezzi al consumo relativo al mese di agosto che serve anche per l’aggiornamento del canone d’affitto. Anche questo mese il valore del foi è negativo, ma questo non implica una riduzione del canone di locazione.

Molti contratti non specificano rispetto a quale calcolo si adegua il canone di locazione, se con scatto mensile o annuale. Ma diversi proprietari per prassi applicano la media annuale. Alcuni contratti prevedono inoltre che il calcolo dell’adeguamento istat si applichi al 75%,  mentre altri al 100%

L’ultima rivelazione istat dell’indice dei prezzi al consumo dell’istat è la seguente

Indice generale foi   107,2

Variazione % rispetto al mese precedente – 0,1

Viarazione % rispetto allo stesso mese dell’anno precedente -0,1

Variazione % rispetto allo stesso mese di due anni precedente +0,0

#Grecia: #Tsipras rischia il tutto per tutto, verso elezioni anticipate a settembre

The head of radical leftist Syriza party Alexis Tsipras speaks to supporters after winning the elections in Athens January 25, 2015. Tsipras promised on Sunday that five years of austerity,

Mossa del premier per superare le insidie della minoranza di #Syriza. L’indiscrezione riferita dalla tv pubblica di Atene. L’annuncio ufficiale e’ atteso a breve

Roma, 20 AGO – Il primo ministro greco Alexis Tsipras si accingere a chiedere le elezioni anticipate per superare gli ostacoli creati dalla minoranza di sinistra di Syriza e ottenere un piu’ solido sostegno parlamentare al programma economico concordato con le autorita’ europee: lo riferisce l’emittente televisiva di Stato Ert. Sarebbe cosi’ scartata l’ipotesi di un semplice voto di fiducia in Parlamento per la nuova fase politica: secondo le indiscrezioni rilanciate dalla tv pubblica greca, Tsipras e i suoi piu’ stretti consiglieri avrebbero optato per la piena sfida del ricorso alle urne. Le elezioni anticipate si dovrebbero tenere attorno alla meta’ di settembre. L’annuncio ufficiale delle elezioni anticipate e’ atteso a ore. La scelta attribuita al premier di Atene segue di un giorno il via libera del Parlamento tedesco e di quello olandese al piano di salvataggio da 86 miliardi di euro in tre anni concordato con la Grecia. Sempre mercoledi’ e’ arrivato l’ok al piano da parte del board dell’Esm (Meccanismo europeo di stabilita’), formato dai ministri delle Finanze dell’eurozona.

Beni confiscati, solo 1 su 15 viene affidato al Terzo settore. Cantone: «Legge da cambiare»

di Emanuele Imperiali
 via-sofocle

NAPOLI – Venti opere d’arte per proclamare il primato della luce sull’ombra, della legalità sull’illegalità, della cultura sull’ignoranza. Si intitola La luce vince l’ombra la mostra a Casal di Principe, inaugurata recentemente, che, per la prima volta in Italia, ha sede in una villa confiscata alla camorra, recuperata a fini museali e intitolata a don Peppe Diana, emblema della lotta alla criminalità. Vi sono esposti, fino ad ottobre, beni provenienti dalle collezioni degli Uffizi, del Museo di Capodimonte, della Reggia di Caserta e del Museo Campano di Capua. Un esempio emblematico, così come lo è il fatto che l’abitazione di Totò Riina diventi la casa dei carabinieri, in quanto nella simbologia mafiosa è il più grande smacco che potessero subire in Sicilia.

Il riutilizzo dei beni, mobili, immobili e aziendali, confiscati alla criminalità organizzata e la loro valorizzazione in chiave socio economica ha assunto in Italia, ma in particolar modo nel Mezzogiorno, una dimensione patrimoniale e finanziaria considerevole. Secondo i dati dell’Agenzia Nazionale al primo trimestre 2015, i solo immobili sono ben 6.838, di cui 2.928 in Sicilia, 787 in Campania, 573 in Calabria, 493 in Puglia e 7 in Basilicata. mentre le aziende sono 1.345. Si tratta di case, terreni, negozi, aziende. Di queste ultime la maggior parte operano nell’edilizia, ma anche nel commercio, compresi alberghi e ristoranti. Continua a leggere

Rifiuti, quanto ci sono costati e quanto ci costeranno

rifiutiTra il 2010 e il 2015 il peso della tassa sui rifiuti per le famiglie italiane è cresciuto sempre di più. A mostrare in che modo è l’Ufficio studi della Cgia di Mestre, secondo cui nel periodo in questione una famiglia con 4 componenti che vive in un casa da 120 mq ha subito un aumento del prelievo relativo all’asporto rifiuti del 25,5%, pari, in termini assoluti, ad un aggravio di ben 75 euro. E quest’anno dovrà versare al proprio Comune ben 368 euro di Tari.

Ma non finisce qui. Una famiglia di 3 componenti, che abita in un appartamento da 100 mq, ha subito un aumento del 23,5% (+57 euro) e nel 2015 dovrà versare quasi 300 euro. Un nucleo di 3 persone che risiede, invece, in un’abitazione da 80 mq ha dovuto pagare il 18,2% in più (+35 euro). In questo caso, l’importo complessivo che dovrà pagare per i rifiuti sarà pari a poco più di 227 euro. Continua a leggere