Secondo l’Agenzia delle Entrate, continua il calo delle compravendite nel secondo trimestre 2013 (scarica pdf)

crollo-immobiliare

Il mercato immobiliare continua la sua caduta nel secondo trimestre del 2013,seppur a un tasso rallentato rispetto a quello registrato nel primo trimestre. le compravendite sono state 242.817, in calo del 7,7% rispetto al 2012. sono questi i dati rilevati dall’agenzia delle entrate nella consueta nota omi sull’andamento del settore Continua a leggere

Annunci

Comuni Italiani al Governo : Ultimatum IMU, senza rimborsi a rischio gli stipendi

imu2012comuni

Se non è un ultimatum, quello lanciato al Governo da Piero Fassino, presidente Anci e sindaco di Torino, poco ci manca: se entro domenica 22 settembre non verrà rimborsato ai municipi il gettito legato alla mancata prima rata Imu «al 30 settembre molti Comuni non saranno in grado di pagare gli stipendi del mese ai dipendenti perché molti di loro non hanno liquidità». Continua a leggere

altro che tax free: per abolire l’imu tagli al lavoro, evasione fiscale e trasporti

20130903-155301.jpg

il governo l’ha assicurato: l’abolizione dell’imu non comporterà l’introduzione di nuove tasse. ma lungi dall’essere tax free, la manovra avrà un costo pesante per i cittadini: per sostenerla, infatti, la forbice dell’esecutivo toccherà i fondi per l’occupazione, il settore elettrico, la manutenzione del settore ferroviario nonché i soldi per l’assunzione di nuovi agenti di polizia e di ispettori contro l’evasione fiscale

Continua a leggere

Siria: la guerra del gas

nabucco-gas-pipeline

La Gran Bretagna dice NO alla guerra, la Camera dei Comuni ha votato contro la guerra in Siria e ci sono state aspre discussioni, con le richieste di dimissioni del premier inglese. Dopo che mercoledì 28 agosto, la delegazione russa e cinese hanno abbandonato il tavolo della riunione di sicurezza dell’ONU richiesta dall’Inghilterra affermando che: “Le prove fornite dagli USA non sono affatto attendibili”, la coalizione anti-Siria, creata da Obama, perde pezzi oramai ogni giorno e Cameron incassa la seconda sconfitta in una settimana.  Dopo il NO alla guerra della Germania e dell’Italia, anche la Gran Bretagna declina l’invito di Obama ad una guerra che potrebbe causare danni catastrofici per la popolazione europea e oggi la  Bonino ha affermato in una intervista, senza mezzi termini, che un intervento militare in Siria potrebbe scatenare una guerra mondiale. Dei paesi che hanno partecipato alla riunione tenutasi in Giordania ad Amman in questi giorni, sono rimasti a favore della guerra Stati Uniti d’AmericaFranciaCanadaArabia SauditaQatar Turchia, anche se la Francia si sta lentamente defilando, quindi rimarrebbero solo i paesi che hanno grossi interessi economici diretti nel conflitto, e che stanno cercando di foraggiare la guerra in ogni modo. Continua a leggere

Decreto del FARE: nel silenzio omertoso passa la deregulation totale

decretodelfareedilizia

L’ennesimo e forse definitivo tentativo di sopprimere le conquiste ottenute alla fine degli anni ’60 in tema di spazi pubblici minimi e distanze tra gli edifici dopo i guasti della stagione liberista degli anni ’50 conclusa con il massacro di molte delle nostre città da parte della speculazione edilizia. Continua a leggere