I cittadini faticano a pagare il mutuo e la casta si prende le case

real-estate-investingLe figlie di pierferdinando casini, il figlio di giulio andreotti, la moglie di giuliano amato, raffaele bonanni, il presidente della lega calcio maurizio beretta. sono solo alcuni dei potenti o “figli di” che hanno acquistato casa da enti previdenziali o assicurazioni con uno sconto consideravole rispetto al valore di mercato. e così mentre le famiglie si affannano con le rate del mutuo o l’affitto da pagare, “le sanguisughe del mattone” fanno affari d’oro

a denunciare le compravendite a basso costo è stato mario giordano nel suo “tutti a casa”, uscito un mese fa e saldamente ai primi posti delle classifiche. tanti i nomi eccellenti, alcuni dei quali protagonisti di casi davvero eclatanti. è il caso ad esempio di pierferdinando casini che è riuscito ad accaparrarsi un’intera palazzina in via del clitunno, di proprietà dell’ex ina assitalia e l’ha equamente divisa tra le figlie e l’ex moglie

quest’ultima ha avuto 8 vani al pianterreno, la figlia carolina 8,5 vani al primo piano, l’altra figlia 4,5 vani al terzo piano. tutti acquistati tra l’aprile e il giugno 2007 a prezzi più che convenient. il primo piano appartamento fu acquistato per appena 323mila euro (e oggi secondo la stima cerved vale 1.028.976 euro; il secondo per 586mila euro e oggi vale 1.093.287 euro, il terzo per 306mila euro e oggi ne vale 578.799 euro)

e che dire della signora amato? nel 1998 la professoressa diana vincenzi ha acquistato un attico in via giovanni battista de rossi, sulla nomentana, composto da 11 vani, per la cifra di 620.000 euro. ma secondo la stima cerved quell’attico vale almeno 1.109.000 euro, ovvero quasi il doppio. la società che ha operato un così grande sconto alla signora amato è stata la tirrenia messa in liquidazione nel 1993 dopo essere stata coinvolta in tangentopoli

il segretario della csil, raffaele bonanni, ha ottenuto uno sconto di quasi l’80% per un appartamento di 8 vani sul lungotevere. acquistato per la cifra di 200.900 euro quando ne vale circa quattro volte tanto. in sua difesa, bonanni ha affermato di non aver ottenuto nessun privilegio visto che ha esercitato il diritto di prelazione su una casa che aveva in locazione da 16 anni. certo questo non spiega uno sconto così grande

il presidente della lega calcio maurizio beretta il 24 giugno 2005 comprò per 115.000 euro una casa a roma, in via santa croce, il cui valore di mercato è di 323mila euro. a concedergli uno sconto del genere fu un certo mauro cicconi che l’aveva comprata a sua volta, il medesimo giorno, dal fondo pensioni della banca di roma per 99mila euro. non si spiega perché quest’ultima abbia venduto per 99mila euro una casa che lo stesso giorno viene rivenduta per 115mila e che vale quasi tre volte tanto.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.